Verdure

Le verdure consumate sono la principale fonte di vitamine naturali, sali minerali, fibra, zuccheri, proteine ​​e solo una piccola quantità di energia. Contengono inoltre sostanze biologicamente attive necessarie per il corretto funzionamento del corpo umano. Negli ultimi anni è stato ritrovato, che i composti contenuti in alcune specie di vegetali hanno proprietà antitumorali, contrastano la malattia coronarica, abbassano la pressione sanguigna e il contenuto di colesterolo dannoso. È necessario evidenziarlo, che gli effetti benefici sull'organismo si ottengono solo con il regolare consumo quotidiano di vari tipi di ortaggi.

La superficie totale di coltivazione degli ortaggi di campo è di ca. 180 mille. lui ha, mentre le raccolte sono nei limiti 4,5-5,0 milioni di tonnellate, che mette la Polonia in prima linea, tra i produttori in Europa. Finora, il consumo di verdure nel paese è di ca 110 kg a persona ed è molto più basso che in molti paesi europei (Italia, Grecia, Francia), dove addirittura supera 180-200 kg. Di 22% delle verdure consumate proviene da una conservazione a lungo termine. Secondo una ricerca dell'Istituto di economia agraria e alimentare (IAFE) il consumo di specie di base di ortaggi da campo freschi per un abitante della Polonia nelle famiglie è: cavolo bianco – 6,6 kg, barbabietola – 2,8 kg, carote commestibili – 6,2 kg, cipolla – 5,8 kg.

Le verdure appena raccolte o conservate in condizioni ottimali hanno un alto valore nutritivo. Per mantenere l'alta qualità delle verdure dopo la raccolta, è necessario creare le condizioni, che ridurrà abbastanza l'intensità dei processi vitali, mantenere vivo il tessuto vegetale da un lato, e d'altra parte – rallentare il più possibile il processo di invecchiamento. Perché le verdure contengono molta acqua e sostanze facilmente digeribili, sono esposti sia ad avvizzimento che a danni meccanici, e sono un mezzo eccellente per lo sviluppo di vari organismi patogeni, facendoli marcire, che causa l'ammontare delle perdite quantitative, e qualitativo. È stimato, che la quantità di perdite dalla raccolta di frutta e verdura al loro consumo o trasformazione nei paesi sviluppati è 15%, mentre nello sviluppo di ca 40%. A livello globale, le perdite sono stimate a 35%.

Perdite, entrambi quantitativi, e la qualità delle verdure fresche aumenta con l'allungamento del periodo di conservazione. Tuttavia, l'elevata qualità delle verdure, ad es.: lo stoccaggio a lungo termine può essere garantito da una protezione sistematica della piantagione durante tutta la stagione di crescita, con entrambi i fungicidi convenzionali, oltre a prodotti di origine naturale.

Consegue dai dati stimati di immagazzinamento, che sempre più carote e cipolle vengono conservate in moderni impianti di conservazione e refrigerazione. Tuttavia, una parte significativa della produzione di questi ortaggi viene conservata in condizioni primitive, ad es.: scantinati, tumuli, soffitte. Allo stesso modo, le barbabietole rosse vengono conservate in grandi quantità in cumuli, dove mantengono ottima fermezza e succosità. Al contrario, quasi tutto il cavolo cinese viene conservato in celle frigorifere con atmosfera normale e controllata. Il cavolo cappuccio richiede miglioramenti, dove è necessario realizzare celle frigorifere nelle zone dove viene coltivato.